"We do not see the things as they are, we see the things as WE are." Anais Nin

me

§ e la ghianda, raccolta di memorie sconvenienti – 10^ e ultima parte


zilberberg_alice_singles_21

by Alice Zilbeberg

 

 

 

Parte 10

Dove si narra dell’incontro con il destino, la fine di § e il frantumarsi del guscio.

 

Camera, letto, luce soffusa, disordine di libri. Distesa in se stessa, § esplora il web musicale e si nutre di note una volta ancora, osmoticamente.

All’improvviso tutto si raccoglie, tutto si concentra, non vi è respiro, non vi è ritorno: quello che § ascolta è quello che § attende. L’attesa di una vita che bussa al suo guscio e che, senza chiedere, entra e scompone e grida e piange e stringe e scende. E scende. E scende.

E scende.

Scende sino alla terra attorno alle radici e lì si ferma, come a casa.

§ non sa, non può ancora sapere che quella musica sarà la fine del suo mondo privato, rotondo e caldo, dove l’uno racchiudeva il due. Non può immaginare che sarà l’inizio di un lungo viaggio dove il due si farà uno.

—-

Così non troverete più § in questo luogo. Con lei se ne andranno le parole e la musica e la camera e il disordine.

Rimarrà la luce soffusa, ad accoglierla in altri spazi, laddove il femminile ed il maschile, il riso ed il pianto, l’essere dentro e l’essere fuori avranno confini che questo blog non è preparato a vivere.

 

 


§ e la ghianda, raccolta di memorie sconvenienti – parte 9^


IMG_21074805165484

Dieci anni. Questo il tempo che ci vorrà a § per osare ancora nel mondo degli uomini.

Nel suo stesso ventre raccoglie sfumature di rosso, profumi e fremiti;

in montagna, in equilibrio fra le spigolose rocce, gli orizzonti ampi e la pace.

In questi dieci anni scende e sale, ininterrottamente.

In silenzio asciuga il passato e inumidisce il presente di nuove parole. In ogni gradino che sale trova il suo respiro, in ogni gradino che scende trova se stessa.

Dieci anni per divenire una sola persona, capace di accogliere il dentro ed il fuori.

Poi si siede in alto e non ha più paura.

Bilancia per nascita, dosa il dentro ed il fuori, espande il suo tempo, vive i due mondi senza vergogna.

 

§ è il visibile e l’invisibile, è domanda e risposta, è soffio e apnea. Nuova specie di anfibio, vive nel mondo emerso ma si nutre nelle profondità. Così trascorre giornate affollate di vite e di terra, ma trova sempre un angolo umido dove bagnarsi le labbra. Il viaggio in macchina, la camminata solitaria, la sigaretta fumata in cortile… mille sono i momenti in cui § può aprire una breccia alle sue onde, farne dialogo immaginato, farne risata o carezza o danza.

§ è tornata bambina, è corsa indietro nel tempo, ha preso il suo sogno e quel suo mondo fatto di profumo maschile, di note, di dolore e lo ha stretto al suo petto di donna cresciuta. Per sempre.

Il suo Core non ha più bisogno di numeri, drivers o aggiornamenti, ha semplicemente bisogno di essere. In fondo tutto questo girare e andare e fuggire è stato uno spogliarsi lento. Via le paure, le bugie, via il circondarsi di rumori e distrattori,  di illusioni e di finzioni.

§ porta ora con sé la sua casa. Il bianco ed il nero, l’uomo e la donna. Quello che adesso non sa è che questa unione, questo sentirsi rotonda, la porterà ben oltre il sogno. Quello che adesso non sa è che questo suo uovo, liscio e caldo sarà dischiuso da mani non sue. Quello che adesso non può immaginare è che nascerà a nuova vita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Dell’essere solidi


image

Triste destino
quello della materia
essere soggetta a trasformazioni di stato,
mi ripeto sovente
senza alcuna convinzione.


Aforisma dei numeri da circo o della vita


Più semplifico e più mi è chiaro il paradosso.
Piu complico e più capisco.


poesia


image

 

Lamentavi che da tempo non scrivo di noi

ti preoccupava l’assenza di tracce leggibili.

Una volta, è vero,

trasformavo l’amore in poesia.

 

Con te l’arte mia è stata il vivere le ore,

seguire le onde senza giungere a riva,

e salire, salire, salire

ridendo del vuoto,

precipitare senza darlo a vedere.

 

Eravamo noi la poesia

liberata

dagli stretti confini delle parole.


A briglie sciolte


Quando sbriglio il razionale divengo una macchina da guerra, magari già a brandelli sul terreno, ma non demordo.
Le mie emozioni invece le sai sbrigliare solo tu e poche altre cose al mondo come le nude rocce al tramonto, l’acqua fresca del torrente o la vastità notturna del cielo.


taccuino e matita


Prima di disconnettere il mio cuore avevo un taccuino e una matita.

Era giusto ieri mattina. Una mattina in cui camminavo con la bizzarra sensazione di avere un piccolo bacio tra le fessure del mio sedere. Una mattina d’amore e di passione, di fiducia e di occhi verdi. Perché ho gli occhi verdi quando sono felice e so di esserlo.
Con taccuino e matita ho bevuto un caffè, sola, in attesa del mio uomo. Ieri mattina avevo dei pensieri. Ieri pomeriggio anche, ma diversi. Oggi solo rabbia.

Ne scelgo alcuni, altri li terrò per me sola, dato che assieme a me ho perduto anche altri luoghi del mio sostare in libertà.

Pensieri del mattino

Come piazza antica rifletto l’umore del cielo e la levigatura del tempo.

 

Di te mi piace il tuo affacciarti da ogni mia fessura, sia essa rivolta all’alba o al tramonto. Sei del mio castello il principe e il principale assalitore.

 

Tutto questo mio ritornare con ossessione alle parole dette tra noi altro non è che atto d’amore: lentamente mi accosto ai colori dei nostri due mondi e provo a bilanciare i tuoi toni con le mie sfumature.

 

Non vi è piacere più rotondo di essere svegliata dal tuo desiderio.

 

Pensieri del pomeriggio

Fra tutto ciò che poteva essere, sei stato l’impossibile. Non sarà facile disattivare il mio cuore.

 

 

 

Notte mondo.


hurt song – and i love it



buongiorno


35513250_640

 

Lento si muove il pulviscolo d’oro

suggerendo il mattino

e noi

addormentati

tra nuvole di voci di un orizzonte lontano.

 


balance


imparare a respirare quando mi togli il respiro

non troppo a fondo

non troppo a fondo

rischierei di sentire le schegge

che di te porto dentro

 

imparare a respirare quando mi togli il respiro

sino in fondo

sino alla fine

e riemergere sorridendo

scompigliata di noi