"We do not see the things as they are, we see the things as WE are." Anais Nin

Onda


Onda
arrotolata e dissolta
generata più volte
ritorno
schiumosa al cielo
a bagnare l’arena
laddove giocavo
solitaria e sola
con l’illusione di te.
Quel mondo liquido
che sin da bambina
ho cresciuto,
il silenzio salato
respirato in segreto,
hanno ora forma.

5 febbraio 2012

7 Risposte

  1. claudiopsy

    MOLTO BELLA E PREGNA D’AMORE SOTTILE!
    UN CARISSIMO SALUTO
    CLAUDIO

    5 febbraio 2012 alle 9:02 pm

  2. Grazie Claudio🙂
    Sempre molto, molto gentile… sai, mi è più facile scrivere quando sono triste e sola.. per esprimere invece l’amore, la gioia, la pienezza, mi mancano spesso le parole e ho sempre paura di esser banale e insipida. Non so se capita anche a te. Sembra sciocco, ma non lo è. Apprezzo assai quindi quando qualcuno mi dice che, sì, può andare anche così.
    Un caro saluto
    Anna

    5 febbraio 2012 alle 9:12 pm

    • claudiopsy

      La tristezza, la solitudine, ci spingono nella profondità di noi stessi, dove albergano nascoste tra mille petali di rosa con le spine, le nostre emozioni e sentimenti più belli!
      Anche a me succede che manchino la parole e di sentirmi banale mentre scrivo durante questi stati d’animo!.
      Ma vado oltre perchè ho visto che poi vengono fuori cose tutt’altro che banali!
      Un carissimo saluto
      Ciao Anna
      A presto
      Claudio

      6 febbraio 2012 alle 2:28 am

  3. Anch’io, come te, persevero … discesa o ascesa non so. Forse movimento ondulatorio di ricerca. Ma il dubbio non mi lascia mai; e forse è un bene😉
    Ciao fratello sospeso, di sicuro le nostre cadute tra petali e spine non saranno invane.
    A presto quindi
    Anna

    6 febbraio 2012 alle 6:12 pm

  4. claudiopsy

    E’ bello cantare insieme a Te sorella Anima Viva,
    bagnata dai flutti spumeggianti che s’alzano nel silenzio assente del Tuo cuore!
    A presto
    cara Anna 🙂
    Claudio

    6 febbraio 2012 alle 7:15 pm

  5. Dove c’è un’onda che frange e un’Anadioméne Cypride ,lì io sono,in solo slip in ogni stagione.
    Posto magico questo.
    Un abbraccio empatico e grazie. Aspetta! Un mio piccolo saggio ,intitolato proprio Anadioméne: Per compiacermi un’onda/amica le nuda il seno./Prima di rimediarvi,/in divino sorriso,lei/tarda un momento.Così/ grato ricordo/Venere mi lascia.

    22 febbraio 2012 alle 4:45 pm

  6. Ciao Gilberto, grazie per l’abbraccio emaptico. Ma dove lo trovo questo tuo saggio sulla dea che nasce dal mare? Mi hai incuriosito…

    23 febbraio 2012 alle 12:03 pm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...