"We do not see the things as they are, we see the things as WE are." Anais Nin

natureboy


Natureboy suonata da Jon Hassell & Ronu Majumdar

E’ questo sentire
oltre ogni confine
una magia riservata
un soffio avvolgente
che non so più fermare.

Scendere piano
sfiorare il tuo cuore
sentirlo tremare
sapere che il mio
è appena più forte
capire che il viaggio
ha come sua meta
solo e soltanto la vita.

Nessuna valigia
né timbri né foto
non so più chi sono
che veste indossare.
Sarà la mia pelle
saranno i miei occhi
a dirigere i passi
di questo domani
a scegliere il luogo
dove ancora sostare
per chiedere asilo
se dovessi crollare
dal troppo dolore
di sentirti vicino
e non poterti toccare.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...