"We do not see the things as they are, we see the things as WE are." Anais Nin

La spada e l’aratro


Posto un altro articolo utile a promuovere la riflessione su quanto sta accadendo. E’ scritto dal pacifista argentino Equivel, nobel per la pace nel 1980.

La spada e l’aratro

ISRAELE, PERCHÉ ASCOLTI SOLO LA TUA VOCE SORDA?

Con l’attacco alla Striscia di Gaza si torna a seminare vento e tempesta, dimenticando che poi si raccoglie di conseguenza. I fatti sono indiscutibili, il problema è che Tel Aviv non vuole arrivare a una soluzione del conflitto
Egli sarà giudice fra le genti e arbitro fra molti popoli.
Forgeranno le loro spade in vomeri, le loro lance in falci;
Un popolo non alzerà più la spada contro un altro popolo. ( Isaia 2,4)

Alle 3.45 di notte ha suonato il telefono. La voce di un amico preoccupato e dispiaciuto si chiedeva cosa potesse fare la comunità internazionale davanti ai bombardamenti di Israele e alla successiva invasione terrestre sulla Striscia di Gaza. Hanno provocato morti e gravi danni per la popolazione palestinese, con i cosiddetti «danni collaterali» utilizzati per occultare i massacri.
Israele cerca di giustificare gli attacchi con l’escalation di violenza provocata dal lancio dei missili da parte delle milizie di Hamas contro i coloni israeliani che vivono nel territorio palestinese occupato.
Dopo numerose decadi, il conflitto tra Israele e Palestina non sembra trovare soluzione, nonostante i tentativi di dialogo e di tregua che in tutti questi anni sono regolarmente falliti. Il problema è che non vogliono arrivare a una soluzione del conflitto.
Gli interessi economici, politici e militari di Israele e degli Stati uniti rinnegano le reiterate risoluzioni dell’Onu per porre fine al conflitto e incontrare una soluzione politica, chiedendo che venga applicata la risoluzione del 1949 per la costituzione di due Stati: d’Israele e di Palestina.

Tratto crudele e degradante
Fino ad ora si è creato solo lo Stato d’Israele, paese che in alleanza con gli Stati uniti, si oppone con le armi alla creazione dello Stato palestinese. Israele invade il territorio dei palestinesi e lì insedia le sue colonie, cacciando ed emarginando il popolo palestinese e utilizzando metodi aberranti come la tortura, il tratto crudele e degradante. Viola i diritti umani e solleva un «muro infame» che divide le persone sommettendo i palestinesi all’emarginazione, la povertà e il terrore.
Tutto questo si fa in nome della «sicurezza e contro il terrorismo».
Alcuni mesi fa, ho pubblicato un articolo intitolato «Israele, uno Stato terrorista». Lo scrissi in occasione dell’invasione del Libano, durante la quale, Israele, violando la sovranità di un altro stato, provocò morte e distruzione.
Alcune persone mi accusarono di essere «antisemita«. È un modo facile per giustificare l’ingiustificabile. Ho sempre affermato che Israele ha diritto alla sua esistenza, alla sua identità, cultura e religione ma il popolo palestinese ha gli stessi diritti che gli vengono invece negati da Israele.
I fatti sono visibili e indiscutibili. Se uno Stato commette delle atrocità contro altri popoli o contro il suo stesso popolo, viola il diritto internazionale e le sue proprie leggi, trasformandosi in uno Stato terrorista.
In America Latina sappiamo di cosa parliamo, siamo sopravvissuti al terrorismo di Stato che è stato imposto dalle dittature militari. Abbiamo una ferita nell’animo, nel cuore e nella memoria. Lottiamo per recuperare la libertà e il diritto di essere popoli e vogliamo che tutto ciò non accada più, in nessuna parte del mondo.
Nessun imperialismo, dittatura o atto terrorista, venga da chi venga, può essere positivo per un popolo.
Gli Stati Uniti e i suoi alleati, nella loro lotta per il potere e l’egemonia mondiale, esercitano il terrorismo di Stato. I fatti sono schiaccianti e parlano da soli, come per esempio la guerra contro l’Iraq, l’Afganistan la Colombia. Essi violano il diritto internazionale e utilizzano delle pratiche aberranti come sono stati i voli segreti della Cia in Europa, i sequestri e le sparizioni di persone realizzati con il consenso dei governi europei, contro i cittadini musulmani che furono arrestati, accusati di terrorismo e portati nelle carceri di Guantanamo e in quella di Abu Ghraib in Iraq.
Questi luoghi sono stati trasformati in centri di tortura. Essi offendono l’umanità e mettono in evidenza la degradazione umana nella quale sono caduti.
Dobbiamo reclamare al popolo d’Israele che sospenda immediatamente l’invasione della Striscia di Gaza e reclamare a Hamas che sospenda immediatamente gli attacchi di missili verso le colonie israeliane.
Fino a quando?
Israele, fino a quando continuerai ad opprimere i tuoi fratelli? Fino a quando continuerai a seminare morte, torture e a giustificare l’ingiustificabile per distruggere il popolo palestinese? Hai una risposta o ascolti solo la sordità della tua voce?
I popoli non dimenticano, conservano nella loro mente e nel loro cuore i propri cari. La sofferenza li rende più forti e capaci di resistere. Non si rassegnano a vivere sottomessi e umiliati e reclamano il loro diritto ad esistere, ad essere liberi e sovrani.
Israele, hai dimenticato la tua storia di sofferenza e resistenza? Hai dimenticato l’orrore dell’Olocausto e il dolore del tuo popolo? Hai dimenticato coloro che diedero la loro vita per la libertà?
Non fare a tuo fratello ciò che fecero con te. È urgente «disarmare la ragione armata» ma la ragione non si disarma da sola, né con un’altra ragione ancora più forte.
R. Panikkar, sottolinea che esiste una dialettica tra l’urgente e l’importante. Forse è più urgente affrontare la situazione che vive il Medio Oriente o vedere ciò che si fa con la ragione armata, sia che si tratti di una decisione personale o politica? Si deve conciliare l’urgente con l’importante senza sacrificare né l’uno né l’altro.
Probabilmente l’importante è rendersi conto che con la sola buona volontà non si va lontano. Urgente è disarmare la ragione ma l’importante è comprendere che non si tratta di vincerla con un’altra ragione superiore. La corsa agli armamenti, la violenza, gli attacchi non portano a nessuna soluzione, avremmo solo un’altra ragione più armata.
La ragione non si disarma da sola, è necessario incontrare la funzione dello spirito.
Israele, ascolta il clamore dei tuoi figli, di coloro che stanno lottando per ottenere la Pace, come Daniel Barenboim che dice, che la Pace è possibile, e cerca di avvicinare gli israeliani e i palestinesi con la musica.
In Israele e nel mondo, molte organizzazioni israeliane e comunità religiose di diverse confessioni chiedono il dialogo e la comprensione tra i due popoli. Sono voci che si dovrebbero ascoltare.
Ancora ricordo i tentativi e gli sforzi di pace di Simón Peres, attuale Presidente di Israele e premio Nobel della Pace. Questi gesti e queste intenzioni erano privi di contenuto o fu una farsa per continuare la distruzione e la morte del popolo palestinese? Che risposta hai?

Disarmare la ragione armata
Generazioni di israeliani e palestinesi sono nate e si sono formate in società violente, non conoscono la Pace, il dialogo tra i popoli, non vogliono accettare la diversità nell’unità di altre culture e credenze e si sono trasformati in schiavi della violenza. Hanno bisogno di liberarsi da loro stessi.
Israele ha provocato una profonda ferita all’umanità segnata in tempi di odio, di guerra, di dolore e morte, dove il terrore è il comune denominatore e contamina le nuove generazioni. Dimentichi che quello che si semina si raccoglie?
Bisogna disarmare la ragione armata per rompere il circolo che li costringe nella violenza, nella distruzione e nella morte.
Si ha bisogno di più coraggio e decisione per costruire la Pace che per continuare con la guerra, segno di debolezza e paura.
Israele hai bisogno di trasformare le spade in aratri. Ascolta il profeta Isaia. Hai bisogno di volontà politica e di una decisione chiara dello spirito da attuare con dignità e saggezza.

di Adolfo Pérez Esquivel

Buenos Aires, gennaio 2009
traduzione di Grazia Tuzi


2 Risposte

  1. gadgets (be/nl)

    Superb blog! Do you have any helpful hints for aspiring writers? I’m planning to start my own website soon but I’m a little lost on everything. Would you suggest starting with a free platform like WordPress or go for a paid option? There are so many options out there that I’m totally confused .. Any tips? Bless you!

    8 dicembre 2011 alle 12:02 am

  2. It depends on what you want😉 … but for me wordpress remain the best solution for a blogger… you can start it for free and then if you see that you need more and more you can export all in a hosted solution not for free and manage wordpress by your own..

    8 dicembre 2011 alle 7:27 pm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...