"We do not see the things as they are, we see the things as WE are." Anais Nin

La nostra Torah ci impone di essere giusti


Anche molti ebrei sono contrari alla gestione politico-militare della situazione in medio oriente, non dobbiamo lasciarli soli così come non dobbiamo lasciare solo il popolo palestinese. Non possiamo fare molto, è evidente, ma possiamo con ogni mezzo a nostra disposizione cercare di far passare un’informazione quanto più corretta possibile.

Chissà se ce la faremo tutti assieme a ridurre la portata dei danni che “giornalisti” al pari di Claudio Pagliara contribuiscono a determinare con la loro propaganda filo israeliana. Un solo esempio: è possibile che continui a ripetere che la tregua è stata violata da Hamas con il lancio di missili quando è risaputo che il lancio di missili è avvenuto a tregua già scaduta e dopo che Israele l’aveva ripetutamente infranta non rispettando, durante tutti e sei i mesi, quanto concordato?

Possibile che ancora non parli di strage del popolo palestinese nonostante le numerosissime vittime civili e l’evidente impossibilità di mettere in campo “operazioni di chirurgia militare” in un territorio così densamente popolato? Possibile che non si renda conto che l’equazione palestinesi=terroristi è l’unica idea di base che sostiene ciò che Israele sta compiendo? O meglio: possibile che noi siamo costretti ad ascoltare un’informazione che avvalla apertamente questa equazione?

Per questo ritengo interessante pubblicare in questo mio blog questa lettera…

La nostra Torah ci impone di essere giusti

Perchè stiamo con i palestinesi?
Perchè siamo ebrei!

Qualcuno ci domanda come mai stiamo con i palestinesi.
“Perchè issate la bandiera palestinese. Perchè sostenete la causa palestinese?” “Siete ebrei” – ci dicono – “Che state facendo?”
La nostra risposta è molto semplice:
È proprio perchè siamo ebrei che stiamo con i palestinesi e issiamo la loro bandiera. È proprio perchè siamo ebrei che esigiamo la restituzione ai palestinesi delle loro case e di tutti i loro beni.
Sì, la nostra Torah ci impone di essere giusti. Siamo chiamati a camminare sulla via della giustizia. Ma cosa c’è di più ingiusto del tentativo, vecchio di un secolo, del movimento sionista di invadere il paese di un altro popolo, espellerlo e impadronirsi dei suoi beni? I primi sionisti parlavano di un popolo senza terra che sarebbe andato in una terra senza un popolo. Parole che sembrano innocenti. Ma sono completamente false.
La Palestina era un paese abitato da un popolo. Un popolo che aveva sviluppato una coscienza Nazionale. Se dei rifugiati ebrei fossero arrivati in Palestina senza l’intenzione di dominare, di creare uno stato ebraico, di espropriare i palestinesi e privarli dei loro diritti fondamentali, sarebbero stati accolti – ne siamo assolutamente certi – con la stessa ospitalità che i popoli musulmani hanno riservato agli ebrei nel corso della storia. Avremmo vissuto insieme come altre volte, in pace e armonia.
Amici musulmani e palestinesi di tutto il mondo, per favore ascoltate il nostro messaggio. Ci sono ebrei che sostengono la vostra causa.
Quando diciamo di sostenerla, non pensiamo a una qualche proposta di partizione, come quella del 1947 presentata dall’ONU, che non aveva nessun diritto di farlo. Non pensiamo a uno spezzettamento della Cisgiordania, come quello proposto da Barak a Camp David, che al massimo avrebbe reso giustizia al 10% dei rifugiati palestinesi. Noi sosteniamo la restituzione alla sovranità palestinese di tutto il territorio, compresa Gerusalemme.
Quando verrà il momento, giustizia vorrà che sia il popolo palestinese a decidere se gli ebrei potranno restare sul suo territorio e in che numero. Questa è la sola via che possa portare a una vera riconciliazione.
Ma noi vogliamo di più. La restituzione del territorio ai suoi legittimi proprietari non sarà sufficiente. Bisognerà che chiediamo perdono al popolo palestinese in modo chiaro e preciso: il sionismo vi ha fatto del male, ha rubato le vostre case, ha rubato il vostro paese.
In questo modo proclamiamo di fronte al mondo che siamo il popolo della Torah, che la nostra fede ci impone di essere onesti, giusti e buoni.
Abbiamo preso parte a centinaia di assemblee palestinesi negli ultimi anni. Dappertutto i dirigenti e il pubblico ci hanno accolto col calore dell’ospitalità mediorientale. Che menzogna quando si sente dire che i palestinesi in particolare o i musulmani in generale detestano gli ebrei.
Quello che detestano è l’ingiustizia, non gli ebrei.
Non abbiate paura, amici. Il male non potrà trionfare per molto tempo. L’incubo sionista è arrivato alla fine. È esaurito. Le sue più recenti brutalità sono l’ultimo disperato sussulto di un agonizzante. Noi vedremo insieme il giorno in cui ebrei e palestinesi si abbracceranno in pace sotto la bandiera palestinese a Gerusalemme.
E alla fine, quando il redentore dell’umanità verrà, le sofferenze del presente saranno sommerse da tempo tra le benedizioni del futuro.
Rabbi MordechAi Weberman

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...